tdcs afasia primaria progressiva

Uno studio del 2018 pubblicato sulla rivista NeuroImage Clinical, ha dimostrato gli effetti della stimolazione elettrica transcranica sulle connessioni cerebrali delle aree del linguaggio per mezzo della risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Diversi studi hanno indagato gli  effetti della tDCS sulla riabilitazione del linguaggio negli esiti di ictus, e più recentemente nelle forme neurodegenerative quali l’afasia primaria progressiva (PPA). Dopo aver dimostrato la sua efficacia nel migliorare il linguaggio in queste patologie risulta importante, dal punto di vista clinico e scientifico, comprendere quali meccaniscmi neurofisiologici stanno alla base di questo trattamento.

Lo scopo dello studio era identificare i cambiamenti nelle connessioni cerebrali funzionali indotti dalla tDCS in individui con PPA e determinare quli cambiamenti fossero da correlare con i migioramenti clinici.

Lo studio di fMRI ha dimostrato he le connessinei fra l’area frontale sinistra stimolata e l’area temporale della rete del linguaggio era meno attiva nei gruppo trattato con tDCS rispetto ai controlli. Inoltre la connessione funzionale fra il giro frontale inferiore orbitale sinistro e la corteccia temporale era associata ad un migliore esiti del trattamento logopedico per il linguaggio.

Questi risultati erano in linea con altri che dimostravano come una singola seduta i tDCS era in grado di modificare la connessione funzionale fra aree frontai e temporali in soggeti anziani sani. (meizner et al. 2010, 2013) ed in quelli con MCI (2015).

Lo studio del 2018 ha quindi esteso queste osservazioni dimostrando come una stimolazione ripetitiva e fosse in grado di rinforzare questi cambiamenti e fosse correlata ad un miglioramento clinico. Le connessioni corticali che si modificano dopo il trattamnto con tDCS associata alla logopedia sono quelle sottostanti le aree dirattamente stimolate. La tDCS potrebbe essere in grado di regolare le connessioni anormali intercorticali che si vengono a creare in molte patologie neurodegenerative.

 

 

 

 

Mosaici in vetro